Advertisements

Chris Cornell live a Milano: scaletta e recensione

a Dopo aver fatto tappa a Roma,  è arrivato anche a Milano. Nella giornata di ieri, martedì 19 aprile, l’ex cantante dei  Soundgarden si è esibito al Teatro degli Arcimboldi che per l’occasione ha presentato un palco “arredato” con sei chitarre acustiche con, alle spalle del cantante, delle proiezioni tra cui quella di un cuore gigante.

L’artista statunitense chiude nel migliore dei modi questo tour italiano (erano tre gli show nel nostro paese) facendo registrare un altro sold out. Sul gracchiare di un disco in vinile, alle nove e mezza precise, eccolo che appare sul palco intonando la prima canzone in scaletta: si tratta di Before We Disappear seguita da Can’t Change Me, due dei suoi brani da solista. Lo show sarà impreziosito anche da numerose cover: da The Times They Are A-Changin’ Back di Bob Dylan a Thank You dei Led Zeppelin, senza dimenticare di metter mano al vecchio repertorio delle band di cui ha fatto parte, prima i Temple of the Dog e poi appunto i Soundgarden.

Due ore di show che vengono chiuse dall’emozionante esecuzione di Image di John Lennon e da A Day in the Life, altro pezzo dei Beatles ma c’è tempo ancora per il dovuto bis con un altro paio di canzoni. Con Worried Moon e Higher truth si chiude questa terza e ultima data italiana dell’Higher truth tour.

Scaletta Chris Cornell live Milano 19 aprile 2016

Before We Disappear
Can’t Change Me
The Times They Are A-Changin’ Back
Cleaning my guns
Nearly Forgot My Broken Heart
Fell on Black Days
Thank You
Doesn’t Remind Me
Say Hello 2 Heaven
Blow Up the Outside World
Let Your Eyes Wander
You Know My Name
Bille Jean
Black hole sun
Rusty Cage
When I’m down
I Am the Highway
Hunger Strike
Imagine
A Day in the Life

Bis
Worried Moon
Higher truth

 

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.
Facebook