Advertisements
Advertisements

Un’altra manifestazione animalista contro Cruciani: “Sei un pedofilo, sei al pari di Pacciani”. Il conduttore annuncia querela

L’unica cosa che mi spiace dell’ennesima mobilitazione di animalisti o pseudotali, è che i poliziotti si stanno occupando di noi invece di cose più serie a causa di questi fondamentalisti“. Così apre la puntata La Zanzara Giuseppe Cruciani, alle prese con un’altra protesta – autorizzata – contro la sua linea editoriale.

I manifestatori espongono lo striscione con una citazione dello scrittore ebreo vegetariano Premio Nobel del 1978 Isaac Bashevis Singer: “Ciò che i nazisti hanno fatto agli ebrei, gli umani lo stanno facendo agli animali“. “Togliete quello striscione infame maledetto” esclama Cruciani. Parenzo – che tra i due sul tema ha maggior diritto di parola essendo ebreo, così commenta lo striscione: “Ciò che mi fa incazzare è il filo spinato”. Cruciani non può esimersi – ospite a Matrix – dal far sentire l’audio di Paolo Mocavero di Centopercentoanimalisti che gode quando un cacciatore muore, e della cantante ed attrice Rossella Seno, secondo la quale un macellaio sarebbe equiparabile ad un kapò.

Ad accogliere i contestatori è  mandato  l'”apritore di porte in precedenza noto come imitatore Andro Merkù, il quale gli passa Valerio Vassallo, vice presidente del Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente: “Cruciani fai una diretta. Vattene dai microfoni, rompi le pa..e alla gente. O te ne vai, o il Sole 24 Ore sceglie di mandarti via o arriverai a denunciarci per stalking. Te ne devi andare, e trovarti un altro mestiere.  Sei uno specista e ti devi dimettere lasciando il posto a chi merita. Hai chiamato le ragazze animaliste, sei un pedofilo, sei alla pari di Pacciani”.

“Ti denuncio, mi hai dato del pedofilo e accostato a Pacciani, ti denuncio subito. Io gli do la parola e questo co..ione mi dà del pedofilo. Noi siamo forse fin troppo aperti“. Sicuramente farsi denunciare da Cruciani non è cosa facile, dato che digerisce tutto, e non può certo essere tacciato di essere un rabbino, considerando che ha sempre dato parola a negazionisti ed antisemiti.

In seguito al conduttore viene passato un biologo: “Protesto contro la tua disinformazione criminale; la carne fa male e tu sei ancora a livello di quelli che dicevano che la Terra è piatta. Tu offendi le persone, sei piccolo ma hai un grande strumento d’informazione. Mangia carne, ma cambia atteggiamento e non romperemo le scatole. Il cambiamento è intelligenza, rimanere sulle proprie posizioni è ignoranza”.

Parenzo – incredibilmente – difende il circo, con cui a dire il vero non ci si nutre: “E’ una grande tradizione“.  E non poteva mancare lo scontro verbale tra il biologo vegano ed un macellaio, considerato un assassino. I conduttori – Cruciani ha affermato che quando ieri sera sono scesi, se non ci fossero stati i poliziotti sarebbero stati aggrediti – hanno consigliato al biologo vegano di aprire “Radio Mucca”.

Parenzo ha anche parlato del nuovo presidente della Confindustria, la quale già pare voglia allontanare Cruciani: “La notizia fondamentale è che Vincenzo Boccia è vegano e ciò creerà qualche problema per la tua linea editoriale. Non sappiamo se sia vero o meno, ma sarebbe un contrappasso pazzesco.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece

Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta – ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 – ora fa prevalentemente il blogger con l’aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione “Radio News”.