Gianna Nannini live a Torino: scaletta e recensione

È partito da Torino il nuovo Hitstory tour di che domenica 20 marzo si è esibita al Lingotto della città piemontese. Puntale alle ore 21, ecco che la cantante toscana fa il suo ingresso in scena con giacca rossa, maglietta bianca e pantaloni neri.

Il palco è grande con ai lati i musicisti: da una parte chitarra, batteria e tastiera, dall’altra strumenti come violino, violoncello e simili. Il centro è tutto per Gianna che si muove come una dannata. Lo show non propone grandi effetti scenici di cui ormai siamo abituati in ogni concerto: nessun maxi schermo ma solo qualche gioco di luci ed infondo è meglio così, con la musica unica e assoluta protagonista. “Cercherò mi sono sempre detta cercherò. Troverai mi hanno sempre detto troverai” inizia così questa prima data, come si intuisce dal testo, con il brano America a cui seguono pezzi come AvventurieraPossiamo sempreVita nuova.

Il pubblico seduto sulle poltrone del teatro, presto si alza in piedi e balla a ritmo di musica. Il concerto proporrà una trentina di brani per due ore di musica dove non mancheranno pezzi come Lontano dagli occhi e Dio è morto, proposte circa a metà show, e Bello impossibile che tutti cantano in coro. Sei nell’animaMeravigliosa creatura “chiudono” lo show ma c’è ancora tempo per il bis che inizia con L’immensità e prosegue con Un’estate italiana. È invece Aria che chiude questa prima tappa del nuovo tour di Gianna Nannini.

Scaletta Gianna Nannini live Torino 20 marzo 2016

America
Avventuriera
Possiamo sempre
Vita nuova
Profumo
Pazienza
Ragazzo dell’Europa
Ciao amore ciao
Hey bionda
Ogni tanto
Fotoromanza
I Maschi
Amica Mia
Tears
Ti voglio tanto bene
Lontano dagli occhi
Dio è morto
Dea (musicale)
Notti senza cuore
Oh marinaio
Io
Amandoti
Bello e Impossibile
Latin Lover
Mama
Sei nell’anima
Meravigliosa creatura

BIS
L’immensità
Un’estate italiana
Aria

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.
Facebook