Elio e le Storie Tese live all’Auditorium Conciliazione di Roma: recensione e scaletta del concerto

Entra finalmente nel vivo il tour 2013 di . Dopo le ultime tappe andate in scena a Bergamo e Udine, i nostri sono infatti approdati a Roma, Auditorium Conciliazione, per due live il 4 e il 5 aprile.

Presentatisi in giacca e cravatta, tutti impeccabili, tranne ovviamente il folletto Mangoni, gli Eelst hanno eseguito pezzi del repertorio vecchio, nuovo e nuovissimo, nel senso di inedito, fornendo una succosa anteprima del nuovo album in uscita il 7 maggio e che da ultime indiscrezioni (fonte la pagina ufficiale del gruppo) si chiamerà “L’Album Biango”, facendo evidentemente il verso al White Album dei Beatles.

E allora rivediamo i due brani sanremesi “La canzone mononota” e il notevole “Dannati forever”, che personalmente preferisco, anche se è un po’ passato inosservato dopo l’eliminazione alla prima serata.

Poi gli inediti, tutti molto interessanti musicalmente e come sempre geniali dal punto di vista testuale. “Il ritmo della sala prove”, che ricorda l’esperienza che gran parte di noi hanno fatto di un complessino che suona una volta alla settimana nelle più sgangherate sale prove della città, poi “Il complesso del Primo maggio”, che non vediamo l’ora di risentire proprio sul palco del super concerto di piazza san Giovanni, con tanto di citazione delle band coinvolte nel passato come a . Ricordiamo che gli Elii al 1° maggio fanno sempre di testa loro e già sono stati sfumati una volta per questo, ovvero per non aver rispettato la scaletta prevista.

Ma veniamo ai classici del passato. Su tutti dobbiamo citare “Supergiovane” in cui il nostro mitico Mengoni, agghindato nella sua classica tutina marchiata SG volava avanti e indietro sul palco, passando davanti al gruppo con effetto comico clamoroso. Ricordiamo anche che questo brano mascherato da canzoncina comica, è in realtà un capolavoro compositivo che non ha nulla da invidiare ai giganti italiani del rock progressivo, come Pfm e Banco del Mutuo Soccorso, con le dovute differenze stilistiche.

Poi una serie di pezzi storici, tutti riarrangiati e in nuova veste. “Cara ti amo” (con cambio di testo ispirato allo stalking), “Il vitello dai piedi di balsa” (condannato ad ascoltare i , e giù risate del pubblico), “Parco Sempione”,che ricorda il “formicone” Formigoni del video, ora che le note vicende giudiziarie hanno gettato un’ombra su quell’esperienza politica.

Con gli Eelst: voce e flauto (e che flauto!) Elio, Rocco Tanica e Jantoman alla tastiera, Cesareo chitarra, Faso basso, Christian Meyer alla batteria, una grandissima vocalist come Paola Folli, vista recentemente a X Factor come vocal coach, e ovviamente Mangoni, artista unico in tutti i sensi.

E ora appuntamento ad Assisi, prima di approdare a Napoli e Milano a metà mese.

Le prossime date del Trilogia tour 2013 di Elio e le Storie Tese

07/04/2013 Elio e le Storie Tese Assisi
08/04/2013 Elio e le Storie Tese Napoli
11/04/2013 Elio e le Storie Tese Alessandria
12/04/2013 Elio e le Storie Tese Milano
13/04/2013 Elio e le Storie Tese Milano
16/04/2013 Elio e le Storie Tese Firenze
18/04/2013 Elio e le Storie Tese Torino
20/04/2013 Elio e le Storie Tese La Spezia
21/04/2013 Elio e le Storie Tese Como
22/04/2013 Elio e le Storie Tese Verona

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni
Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish. Contatto diretto: blog@gamefox.it
Facebook