Advertisements

Cuffie d’Oro: Linus e lo Zoo di 105 accendono la serata. Alan Caligiuri menziona Marco Galli

6 OTTOBREDATA STORICA PER LA RADIOFONIA ITALIANA

ZOO DI 105 E LINUS TRA MENSOLE ED AGGRESSIONI

GALLI: “GRAZIE MAZZOLI, MA IL PREMIO NON LO VOGLIO”

Si è chiusa poco fa la V edizione delle Cuffie d’Oro. L’ha chiusa Leone Di Lernia con il suo pezzo dedicato all’Expo.

I vincitori li conoscete, li abbiamo riportati spesso negli ultimi giorni. Com’era prevedibile sono stati Linus e lo Zoo di 105 ad accendere la serata. Nicola Savino ha spiegato assieme a Max Giusti la genesi di “No toca capelli”.

Ma proprio nel momento in cui è stata premiata la coppia Linus-Savino si è accesa la serata anche a livello verbale. In precedenza c’era stata qualche allusione di Charlie Gnocchi: “De Robertis aveva ritirato il gruppo, ma poi è rientrato in gioco”, ma il bello sarebbe venuto poco dopo. Lo stesso Gnocchi ha chiesto a Linus: “C’è qualche sassolino che vorresti toglierti dala scarpa?”. “Io non amo molto le polemiche, anzi inviterei gli amici dello Zoo ad usare un tono più distensivo” (forse voleva dire più disteso, n. d. r.)

Piccole frecciate verbali si sono verificate in chiusura, alla premiazione dello Zoo. Momentaneamente Marco Predolin aveva preso il timone della conduzione. Hanno parlato Fabio Alisei ed Alan Caligiuri. Fabio era – sul palco – il raccordo tra Deejay e Lo Zoo, anche se in un sol colpo ha chiuso con un bel pezzo di dialettica il tema legato ai social – che ha accompagnato tutta la serata – dando forse una risposta allo staff dello “stravotato” Pinocchio: “Visto che si è parlato di social, lo Zoo su Facebook ha il doppio dei fan di tutte le altre radio quindi – per parafrasare Andreotti – i numeri logorano chi non li ha”.  Ad ogni modo ha ribadito sia il suo legame col suo direttore attuale – De Robertis – sia col suo ex “capo” Linus affermando che è stato un onore lavorare con lui e per lui. Benevolenza, questa, per altro ricambiata e rivolta anche a Paolo e Wender 

Linus – salito sul palco per fare “pace” con lo Zoo, ha specificato: “La guerra è tra due che si attaccano, se l’attacco viene da una parte sola si chiama aggressione. Di queste cose non vorrei più parlare, perché francamente mi rompo i co….oni”. E’ dovuto tornare Charlie Gnocchi, perché stava per aprirsi un battibecco tra lo stesso Linus ed Alan.

Che ognuno si goda i propri premi. Alan ha – come anticipato ieri – condiviso il premio: “Devo dire una cosa importante. Non ha voluto partecipare, ma stasera manca un altro top player, Marco Galli. Noi vogliamo condividere questo premio con lui e Tutto Esaurito, che insieme a noi è il programma più ascoltato d’Italia”

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol).

loading...

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".
Facebook