Gigi D’Alessio – Malaterra (audio anteprima, testo e traduzione)

Gigi D’Alessio è tornato a fare musica con la pubblicazione del suo nuovo singolo, intitolato Malaterra, un pezzo intenso dedicato alla difficile terra di provenienza dell’artista, la Campania: il pezzo anticipa l’omonoimo tour che nel corso del prossimo autunno girerò per l’Italia e per il mondo. La canzone sarà inoltre colonna sonora di un docu film sul tour, che uscirà fra qualche mese.

Gigi d’Alessio, su Facebook, ha voluto descrivere così il suo ultimo pezzo:

Malaterra è un brano nato dall’amore per la propria terra e dal dolore scaturito dalla trasformazione di questa stessa terra nella Terra dei Fuochi. Dapprima sembra essere l’amore per una donna ma ben presto il testo composto in lingua napoletana, svela un unico destinatario, la terra natale di D’Alessio, la Campania. Malaterra è un brano intenso, un misto tra gioia e dolore per un luogo caro ormai irriconoscibile. L’essenza del pezzo è racchiusa in una semplice frase che è allo stesso tempo una preghiera e un grido di dolore: “Primmiè murì famme sule sentì ca stu Fuoco un brucia a speranza a sti figli pe crescere”.

loading...

Cliccando qui potete ascoltare il brano: qui sotto invece trovate il testo e la traduzione del pezzo.

Testo

“Si veco a tte’…. me sbatte o’ core
e nunn’o saccio cchiu’ ferma’
pecche’si tu… tu si l’ammore
ca io trovo sulamente cca’
cu ll’uocchie apierto aggiu cercato e te sunna’
a notte o’ jurno e a sera
e te vedevo senza te pute’ tucca’
tu Malaterra nera

Vulesse sta sempe cca’
sule p’accarezza’
chisti viche che scenneno comm’e
capill’e na femmena
pe te vasa’
proprio comme si fusse mamma’
pe senti’ chestu sale
ca nun trovo int’a nata citta’
dimme pecche’
quanno stongo cu tte
io ritorno criature
e me sent’o calore d’int’a llanema
nun puo’ capi’
si te veco e suffri’
Malaterra, si a te fanno male
io me sento e muri’

Ne fatte scrivere canzone
pure a chi nun sape leggere e suna’
ne fatte nascere poete
ca tutt’o munno hanno fatto canta’
io pure quando sto luntano
songo napulitane
pecche’ so figlio e chistu mare
so Malaterra e ammore

Vulesse sta sempe cca’
sulamente a guarda’
quann’o sole accarezze sti case
e’ puttane s’addormeno
stu cielo cca’
nunn’o trovo int’a nata citta’
chesta luna e a cuperta
e chi o friddo nun sape scarfa’
primm’e muri’
famme sule senti’
ca stu fuoco nu brucia a speranza
a sti figli pe’ crescere
tu schiava e te
ma regina pe mme’
Malaterra si lacrem’e zucchere
e io sacci’o pecche’!!!
pure pe mme!!!

Traduzione

se io vedo te mi batte il cuore
e non riesco più a fermarmi
perché sei tu..tu sei l’amore
che io trovo solamente qua
con gli occhi aperti ho cercato di suonarti
di notte di giorno e di sera
e ti vedevo senza poterti toccare
tu malaterra nera

vorrei stare sempre qui
solo per poterti accarezzare
questi vicoli che scendono come i capelli di una donna
fatti baciare
proprio come se fossi mammma
per sentire questo sale
che non trovo nella città
dimmi perché
quando sono con te
io ritorno bambino
e sento del calore dentro l’anima mia
non puoi capire
se ti vedo soffrire
malaterra, se ti fanno male
io mi sento morire

hai fatto scrivere canzoni
pure a chi non sapeva leggere né suonare
hai fatto nascere poeti
che hanno fatto cantare tutto il mondo
anche io quando sono lontano
sono napoletano
percHè sono figlio di questo mare
sono malaterra e amore

vorrei stare sempre qui
solamente a guardare
quando il sole accarezza queste case
le puttane che si addormentano
questo cielo qui
non lo trovo in nessun altra città
questa luna è coperta
e che il freddo non sa scalfire
prima di morire
fammi solo sentire
che questo fuoco brucia di speranza
a questi figli per crescere
tu schiava di te stessa
ma regina per me
malaterra sei lacrime di zucchero
e io so il perché
pure per me!

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Alberto_Muraro
Seguitemi su Twitter: @alb_simultaneo
Facebook