Advertisements

Morto Carlo Ubaldo Rossi, collaboratore di Subsonica, Jovanotti e tanti altri

Mondo della musica italiana in lutto per l’improvvisa scomparsa di , produttore, compositore e arrangiatore che nella sua lunga carriera aveva collaborato con i più grandi artisti e band della scena nazionale.

Nella giornata di ieri, mercoledì 11 marzo, un incidente stradale a Moncalieri, provincia di Torino, ha stroncato la vita del 56enne: impatto fatale tra la sua moto ed un auto e a niente sono serviti gli immediati soccorsi. La notizia si è diffusa in serata e in poco tempo è rimbalzata anche sul web, generando le prime reazioni di lo aveva conosciuto. Erano infatti in tanti ad aver collaborato con lui, tra cui le più recenti Arisa e Chiara Gallazzo con cui aveva preso parte con le sue produzioni ai dischi Se vedo te e Un posto nel mondo.

Dagli inizi degli anni ottanta aveva però lavorato anche con gente del calibro di Ligabue, Jovanotti e Gianna Nannini, ai quali si aggiunsero successivamente anche Litfiba, Negrita, Syria, Caparezza, Paola Turci, Irene Grandi e Baustelle. Senza dimenticarsi dei Subsonica con cui a metà degli anni novanta collaborò nei brani Come se e Radioestensioni e per l’album Microchip emozionale. E proprio la band torinese ha scritto un lungo e commovente messaggio apparso sul sito ufficiale subsonica.it in cui Max Casacci ricorda l’incontro con Carlo Rossi e di cui vi proponiamo un estratto: “Conosciamo Carlo, come Subsonica, da sempre, da quando abbiamo mosso i primi passi. Gli abbiamo affidato alcuni mix dei primi album, anche per sentire vicina la forza del suo incoraggiamento. Io personalmente da 15 anni prima. In poche parole è stata la persona che ha avuto voglia e pazienza di insegnarmi tutto quello che mi è stato utile per sapere fare quello che so fare oggi.  Lo ha fatto con me, lo ha fatto con tantissimi altri“.

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.
Facebook