Pooh: storia e discografia

I nascono dalla garage band The Jaguars fondata da e Mauro Bertoli nel 1964. Successivamente assumerà l’attuale denominazione proprio in onore dell’orsetto Winnie the . Nel 1966 entrano a farne parte il cantante e il tastierista , nel 68 Dodi (Donato) Battaglia, a lungo considerato uno dei migliori chitarristi d’Europa.

Il primo successo è Piccola Katy, ma segue un periodo nero in cui la band scompare letteralmente dalla scena e sembra sul punto di scomparire. I Pooh decidono di passare alla CBS e rinascono con due successi clamorosi tuttora inni del gruppo come Tanta voglia di lei e Pensiero. Esce Opera Prima, che sulla falsariga del precedente Memorie, si pone a metà strada tra l’ondata di rock progressivo allora agli inizi e la musica più commerciale. Poi la bomba: Valerio Negrini decide di smettere di suonare lasciando lo strumento a Stefano D’Orazio e divenendo il “quinto Pooh” e paroliere. L’anno dopo un altro choc: lascia anche il cantante Riccardo Fogli, entrato più volte in contrasto con gli altri per la sua storia con Patty Pravo e varie ragioni artistiche. Fogli costruirà una solida carriera artistica da solista che raggiungerà il suo apice con la vittoria al Festival di Sanremo con Storie di Tutti i Giorni (1982).

Al posto di Fogli arriva , reduce dall’esperienza proprio in campo prog con i . Il sound del gruppo ne guadagna una sferzata che si concretizza nell’album Parsifal, il cui lungo brano omonimo è un capolavoro assoluto. Il successo di Parsifal eclissa anche gli album seguenti fino all’arrivo di Viva nel 1979. Viva è una bomba che consacra definitivamente i Pooh nell’empireo della musica leggera italiana, con brani storici come l’omonimo strumentale, Notte a sorpresa e L’ultima notte di caccia, oltre al singolo Io sono vivo.

Si aprono gli anni 80 con Stop, che contiene Vienna, Inca e Canterò per te: un altro capolavoro che sfocia poi nel doppio album dal vivo Palasport del 1982, uno dei più bei live italiani di sempre. Il decennio è forriero di numerosi successi e il seguito della band è ormai consolidatissimo quando nel 1990 vincono anche il Festival di Sanremo con Uomini Soli. Poi un periodo in cui il gruppo si gode il successo raggiunto con una serie di album senza infamia e senza lode, che tuttavia vanno incontro al gusto dei propri fan e si rivelano sufficientemente facili da guadagnare consensi di vendite ovunque.

Quando ormai tutti celebrano i Pooh come la band più longeva della musica italiana, a sorpresa Stefano D’Orazio lascia dopo l’ultimo storico concerto del 29 settembre 2009. I Pooh acquistano nuovo vigore ed ispirazione dalla “perdita” ed escono con un album bellissimo e sorprendente che riecheggia le origini degli anni 70: Dove Comincia il Sole, con alcuni brani lunghi e in aperta controtendenza con le mode musicali attuali, e il pregevole singolo Isabel. Nel tour che ne segue il gruppo ne approfitta per riproporre tutti i vecchi pezzi ormai dimenticati come L’anno, il posto, l’ora, che non erano mai più stati eseguiti dal vivo.

Purtroppo l’anno appena cominciato, il 2013 porta con sé un terribile lutto: muore infatti improvvisamente il fondatore Valerio Negrini.

Componenti storici della band

Roby Facchinetti, voce, tastiere e pianoforte
, voce e chitarre
Red Canzian, voce, basso elettrico, chitarra e flauto dolce dal 1973
Stefano D’Orazio, voce, batteria, percussioni fino al 2009.
Valerio Negrini, voce, batteria fino al 1971; poi paroliere fino alla morte nel 2013.
Riccardo Fogli, voce e basso elettrico fino al 1973.

Discografia

1966 – Per quelli come noi
1968 – Contrasto
1969 – Memorie
1971 – Opera prima
1972 – Alessandra
1973 – Parsifal
1975 – Un po’ del nostro tempo migliore
1975 – Forse ancora poesia
1976 – Poohlover
1977 – Rotolando respirando
1978 – Boomerang
1979 – Viva
1980 – …Stop
1981 – Buona fortuna
1983 – Tropico del nord
1984 – Aloha
1985 – Asia non Asia
1986 – Giorni infiniti
1987 – Il colore dei pensieri
1988 – Oasi
1990 – Uomini soli
1992 – Il cielo è blu sopra le nuvole
1994 – Musicadentro
1996 – Amici per sempre
1999 – Un posto felice
2000 – Cento di queste vite
2002 – Pinocchio
2004 – Ascolta
2010 – Dove comincia il sole

1973: Ciao amore, come stai
1976: Riccardo Fogli
1977: Il sole, l’aria, la luce, il cielo
1979: Che ne sai
1980: Alla fine di un lavoro
1981: Campione
1982: Compagnia
1984: Torna a sorridere
1985: 1985
1987: Le infinite vie del cuore
1988: Amore di guerra
1990: Sentirsi uniti
1992: Teatrino meccanico
1994: Nella fossa dei leoni
1996: Romanzo
2005: Ci saranno giorni migliori

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni
Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish. Contatto diretto: blog@gamefox.it
Facebook