Il Fatto Quotidiano si scaglia contro La Zanzara di Radio24 per la telefonata di Giorgio da Genova

E’ da premettere che chi scrive ascolta frequentemente La Zanzara, programma in onda su Radio24 , condotto da Giuseppe Cruciani con la partecipazione di David Parenzo. Chi è assiduo ascoltatore avrà intuito la “politica” del programma,  volta a dar voce a qualsiasi opinione, anche la più perversa ed assurda.

Non si vuole qui difendere l’operato del conduttore nella gestione della telefonata con tale Giorgio da Genova,  avvenuta il 12 novembre – ed anzi l’autore di questo post crede che l’esplicito riferimento all’eliminazione fisica di un singolo o di un gruppo vada oltre la lecita libertà di opinione – ma La Zanzara, che non può essere considerato un vero e proprio programma d’informazione, va avanti dal 2006 cercando proprio  contenuti più scabrosi.  Si tratta di un format costruito per sfuggire alle logiche della linea editoriale dell’emittente, la quale si basa su un linguagio abbottonato e puramente giornalistico.

Il titolo è emblematico a proposito dello scopo della trasmissione: non compiacere ma, possibilmente,  dar fastidio all’ascoltatore medio assumendo posizioni che, oltre a superare i tabù, probabilmente oltrepassano anche le vere convinzioni dei due conduttori.

Chiararamente, un programma di questo ripo, che ricalca lo stile del notissimo speaker americano Howard Stern . attira le telefonate di gente non normalissima; telefonate che poi suscitano l’effetto di mobilitare la stampa. Ed è ciò che è accaduto oggi con l’articolo, sia sull’edizione cartacea sia sul sito del  Fatto Quotidiano  , del giornalista  Giampiero Calapà.

E’ vero che probabilmente anche alla libertà di espressione andrebbe posto un limite quando si parla apertamente di sterminio – soprattutto se si tratta di argomenti delicati come quello dei rom è in questo momento – ma a volte la gravità delle affermazioni dev’essere accentuata a seconda di chi le fa. La trasmissione avrebbe dovuto avere una sospensione, o meglio una chiusura, se certe cose le avessero dette i conduttori del programma, mentre qui ci si è trovati di fronte un povero represso che paerlava fieramente di  Mein Kamopf e di Hitler, fino quando Parenzo non lo ha apertamente minacciato di denuncia. Da quel momento Giorgio da Genova ha iniziato a farfugliare e a fare retromarcia e a pregare Cruciani di non tradirlo.

Più che dii ricerca di ascolti, qui si può parlare di eccessiva libertà espressiva. Sarebbe stato necesario buttare giù, ma consideriamo anche gli insulti che i due conduttori si prendono ogni sera, forse anche con una certa dose di masochismo ed onanismo da radiofonia,  senza batter ciglio. Parenzo, tra l’altro, deve buttar giù anche qualche disdicevole insulto “razziale”.

Chi si indigna, si arrabbia si rode il fegato, non sa che in quel momento sta facendo il gioco di Cruciani. Se non fosse scomoda e a tratti indecente così com’è, La Zanzara non avrebbe senso.

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".
Facebook