Advertisements
Advertisements

Piero Pelù live a Roma: scaletta e recensione del concerto

C’era grandissima attesa per rivedere Piero Pelù dal vivo sabato sera all’Atlantico Live di Roma. I gravosi impegni da giudice di The Voice of Italy, il trilogia Tour coi Litfiba anni 80 e mille altri impegni, non ultime le registrazioni dell’album, avevano infatti tenuto lontano il rocker fiorentino dal palcoscenico, almeno nella versione solista.

E allora a Roma è stata una grande festa. Magari non condita da qualche chicca litfibiana della prima ora – ma comprensibilmente Piero avrà voluto prendersi una pausa dal repertorio suonato l’anno scorso – ma comunque non senza cover, tra cui l’inno dei Black Sabbath “Paranoid”.

Via con una serie di hit soliste, da Io ci sarò (addirittura in apertura) a Bomba Boomerang che non può non riportarci alla mente la battuta degli Elio e le storie tese in “Litfiba Tornate Insieme”. L’ultimo singolo Sto Rock lo troviamo a metà setlist, mentre la chiusura è affidata a Toro Loco.

In mezzo da segnalare la salita sul palco di tre ospiti d’eccezione come Manuel Agnelli degli Afterhours, con cui Piero ha cantato Male di miele e Pugni chiusi, Dj Ringo per Sorella Notte e l’ex-The Voice Francesco Guasti per Tutti fenomeni.

Ecco la scaletta completa

Scaletta Piero Pelù live a Roma Atlantico Live 05/04/2014

Io ci sarò
Mille uragani
Tribù
Bomba boomerang
Dea musica
Fata Morgana (Litfiba)
Viaggio
Prendimi così
Il mio nome è mai più
Sto rock
Il pescatore (Fabrizio De André)
Dimmi il nome (Litfiba)
Lo spettacolo (Litfiba)
Sorella notte
Bene bene male male
Male di miele
Pugni chiusi
Tutti fenomeni
Paranoid (Black Sabbath)
Toro Loco

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni

Giornalista pubblicista iscritto all’ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish.

Contatto diretto: blog@gamefox.it