Advertisements
Advertisements

Elisa live al Palaflorio di Bari: recensione e scaletta del concerto

Continua l’’Anima Vola Tour di Elisa che ha preso il via con la data zero da Rimini e che domenica sera, 16 marzo, ha fatto tappa al Palaflorio di Bari.

Un inizio non troppo esaltante del concerto con la cantante di Monfalcone che è apparsa inizialmente timida e molto emozionata. Pian piano ha poi preso confidenza con il palco e il pubblico della città pugliese e lo show si è dimostrato energico come e più di sempre, grazie anche al sostegno della sua band composta da Andrea Rigonat (chitarra), Curt Schneider (basso), Victor Indrizzo (batteria), e dai due tastieristi Cristian Riganò e Gianluca Ballarin, oltre alla corista Lidia Schillaci.

Dopo alcuni pezzi del nuovo album tra cui Anima Vola, Elisa ha intonato A Prayer e Broken. Non sono mancati poi pezzi quali Dancing, Luce e Heaven out of hell per passare poi a brani più rock come Together, Cure me e Labyrinth. Sempre emozionante il momento di Eppure sentire, che viene anticipata recitando l’articolo primo della Costituzione italiana.

C’è ancora spazio per brani di successo come Gli ostacoli del cuore e Ti vorrei sollevare, prima di esibirsi nella canzone richiesta dal pubblico: sicuramente una iniziativa da ripetere quella di far scegliere un brano al pubblico di ogni tappa del tour. Dopo Swan scelta dal pubblico romano, i baresi del Palaflorio hanno richiesto Gift.

Una concerto durato oltre due ore e mezzo, con oltre trenta canzoni proposte e un finale con Cure Me. Per la scaletta (molto simile) alla data zero a Rimini cliccate qui.

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni
Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish. Contatto diretto: blog@gamefox.it