Advertisements

Musica e poker: uno studio per il binomio perfetto

Devi prendere la decisione più importante del torneo? Metti su un po’ di musica!

Che la musica abbia un effetto positivo in molti trattamenti terapeutici è noto da tempo, come stabilito anche dalla American Music Therapy Association che si occupa di musicoterapia.

Ma che abbia effetti positivi anche sul gioco e in particolare sul poker si è scoperto da poco. Sta di fatto che sono sempre di più i giocatori che ne fanno uso soprattutto quando si tratta di prendere decisioni importanti.

Stephen Noh di Pokernews per esempio ha detto che ogni stato d’animo ha una sua particolare canzone.

“Quando è il momento di prendere le giuste decisioni durante il gioco, la musica aiuta molto. Specie quando si tratta di mantenere alta la concentrazione per un periodo così lungo di tempo.”

Ma come ogni altra cosa la musica è perlopiù un’esperienza personale, come sostiene anche Jared Tendler: lo stile musicale non conta in questo caso e ognuno si concentra meglio con un tipo diverso di musica.

E tutto questo è tanto più vero nel mondo del poker professionale, dove uno studio meticoloso delle mani giocate si accompagna a un’analisi dell’effetto della musica sul gioco, come estensione logica del processo. E con ottimi risultati.

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni
Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish. Contatto diretto: blog@gamefox.it